Il cuore è l’organo più importante del corpo umano: ci accompagna per tutto l’arco della nostra vita, temprato dagli spaventi, dalle delusioni d’amore e spesso anche dall’alimentazione che gli imponiamo. I dati d’insorgenza di malattie cardiache sono importanti ma la verità è che è difficile preoccuparsene quando si è molto giovani: il punto è prendersi cura del proprio corpo a prescindere dai problemi che potremmo sviluppare nel tempo. A tavola non bisogna pensare con stomaco o lingua, ma con il cuore. Ecco, dunque, per semplificarti la vita, una lista di accorgimenti da seguire sempre, anche a dispetto dell’età anagrafica: una lista nera di alimenti da consumare con parsimonia per salvaguardare il vostro cuore!

Evitare alimenti conservati

Sotto sale o sott’olio, precotti o preconfezionati: il danno è lo stesso. Se puoi, privilegia sempre alimenti freschi o confezionati al momento. I conservanti sono fra le prime cause dei problemi cardiaci, insieme alle salse industriali come la maionese (se tua nonna ti ha abituato a mangiare quella fatta in casa sei un uomo molto fortunato!)

Prediligere condimenti semplici

Gli intrugli piacciono sempre ma sono dannosi come la peste. Il meglio sta nei piatti semplici: condisci con sughi di pomodoro, pesto o direttamente verdure per la pasta, brodo vegetale per i risotti. Le ricette più semplici sono le più sane e spesso anche le più buone.

Anche nelle cotture c’è una ratio

Preferire cotture al vapore, ai ferri, alla griglia e al cartoccio per carni e pesci; lesso, vapore o forno per verdure e ortaggi. Evitare sempre le fritture. Il tuo cuore ti ringrazierà, così come anche i tuoi fianchi. La riuscita di un piatto non dipende solo dal cuoco e dagli ingredienti ma anche dalla cottura e, spesso, scegliere quella più adatta è tutt’altro che semplice.

Vitamina K sì ma non troppa

Le vitamine fanno bene ma non bisogna abusarne, in particolare la vitamina K, contenuta in broccolo, cavolo, cavolfiore, lattuga, insalate, cavolini di Bruxelles, soia, fegato, tè verde, lenticchie, spinaci, prezzemolo. Insomma, una grande varietà di alimenti da consumare ma con parsimonia.

Occhio alla pausa pranzo

Grandi protagonisti della pausa pranzo sono gli insaccati: un panino o una pizzetta sono semplici da reperire al bar ed eventualmente da preparare a casa prima di andare a lavorare ma attenzione a ridurre considerevolmente l’uso di insaccati (mortadella, salame, salsicce, wurstel). Te lo dico e sto per farti male al cuore: puoi goderteli al massimo una volta a settimana. Nel caso, preferire la bresaola. Niente mortadella per te tutte le domeniche, perché al tuo cuore vuoi molto bene ed anche al tuo peso forma.

Giusto parlare di cibo, ma per prevenire l’insorgenza di problemi cardiaci non dimenticare di metterti in moto: una sana e non eccessiva attività fisica ti preserva da molte patologie e rallenta il processo di invecchiamento, oltre a tenerti in forma. A tavola, pranzo o cena, mettici il cuore: ne hai uno solo e dovrebbe essere lui a decidere per la sua salute. Scegli ciò che ti fa bene.

Share
Go top