Affascinante, esotico e saporito: l’avocado è un frutto molto desiderato ma, come tutti gli amanti, viene spesso frainteso: considerato a torto nemico della dieta perché troppo calorico. Contiene 160 calorie (per 100 gr) ed è effettivamente un frutto a pasta grassa, ma se lo mangi senza abusarne puoi inserirlo nella dieta (è molto buono e assicura un elevato indice di sazietà). Fa bene anche alla salute: è ricco di grassi mono insaturi come acido linoleico e omega 3 che fanno bene al cuore e tengono a bada il colesterolo.

Curiosità sull’avocado

L’avocado ha una storia molto antica: le popolazioni native dell’America centro-meridionale coltivavano questo frutto prima dell’arrivo di Cristoforo Colombo. Veniva descritto dai conquistadores come un frutto “con una polpa simile al burro e caratterizzato da un ottimo sapore”. In effetti, proprio per queste sue proprietà, dall’avocado si ricava anche un olio molto usato nella cosmesi naturale: idrata la pelle regalandole un aspetto fresco e sano.

Mangia sano, mangia Avocado

L’avocado andrebbe acquistato quando è pronto e maturo (leggermente morbido al tatto) o conservato per 3-5 giorni in contenitore chiuso. La sua polpa, oltre ad essere molto gustosa, contiene:

  • la Vitamina B9: l’acido folico è considerato ottimo per il sistema nervoso;
  • la Vitamina K1: utile per le ossa fragili, osteoporosi e coagulazione del sangue;
  • la Vitamina E: antiossidante, utile nella battaglia contro l’invecchiamento;
  • la Vitamina C: prevenzione dei tumori, soprattutto allo stomaco, grazie all’inibizione della sintesi di sostanze cancerogene;
  • i Carotenoidi: nell’avocado sono presenti luteina e zeaxantina, che fanno bene agli occhi e combattono lo stress ossidativo;
  • il Potassio: fondamentale per la pressione sanguigna e a livello cellulare per lo scambio idro-salino.

Inoltre la presenza di folati all’interno del frutto contribuisce allo sviluppo di nuove cellule tessuti; potrebbe essere importante consumarne durante gravidanza e allattamento ma anche durante i primi anni di vita.

Come si mangia l’avocado?

E ora l’annosa questione: come si mangia l’avocado? Come regola di base meglio crudo; se non stai attento cucinandolo potrebbe diventare amaro. Prima di gustarlo, ricorda di sbucciarlo tagliandolo per lungo a metà, se vuoi puoi eliminare il nocciolo centrale. Una volta pulito può essere inserito all’interno di un’insalata o di un toast, buonissimo con l’uovo crudo o in camicia, da provare anche in salsa insieme alle patatine (guacamole dice niente?) Se vuoi sperimentare testalo a crudo con sale e limone, con i pomodori o con il peperoncino (non te ne pentirai). Molti lo mangiano anche con tonno e salmone; con il cioccolato; con lo yogurt; con chiodi di garofano, noce moscata o cumino. Il seme di avocado, inoltre, può essere mangiato e contiene il 70% degli antiossidanti dell’intero frutto oltre a curare molti disturbi.

Avocado Avocado delle mie brame, chi è la più bella del reame?

Questa dichiarazione di pubblico amore nei confronti dell’avocado non può che concludersi ragionando sugli usi alternativi che si può fare di questo frutto straordinario. Sapevi, per esempio, che viene spesso utilizzato nei trattamenti di bellezza? È un antiossidante naturale grazie alle vitamine e ai fito nutrienti. Rigenerano la pelle e la rendono elastica: è spesso usato anche nei prodotti di cosmesi per rallentare l’invecchiamento cutaneo. Vuoi apparire bello e in salute? Una parola sola: A-V-O-C-A-D-O!

Share
Go top